JBoss Server - Come avviare e arrestare?

1. Introduzione

In questo tutorial, daremo un'occhiata a come avviare e arrestare un server delle applicazioni JBoss.

Innanzitutto, esploreremo le modalità operative di questo server. Inoltre, discuteremo come avviare e arrestare il server in ciascuna di queste modalità operative.

JBoss è un application server open source sviluppato da RedHat ed è ora noto come WildFly. Possiamo scaricarlo dal sito ufficiale di WildFly.

Possiamo utilizzare questo server in due diverse modalità. Tuttavia, la differenza fondamentale tra queste modalità risiede nella gestione del server.

2. JBoss Standalone Server

In questa modalità , ogni istanza del server autonomo è un processo indipendente. Di conseguenza, dobbiamo gestire ciascuno di questi server individualmente.

In altre parole, possiamo avviare più istanze dei server standalone nel caso in cui si desideri una configurazione multi-server.

Tuttavia, dovremo distribuire l'applicazione su ogni server individualmente.

2.1. Preferenze e configurazioni

Lo script di avvio autonomo, ovvero standalone.sh per OSX / Linux e standalone.bat per Windows, utilizza:

  • standalone.conf / standalone.conf.bat : definisce le preferenze JVM per l'istanza del server autonomo
  • standalone.xml : definisce le configurazioni predefinite per il server; possiamo trovarlo sotto $ JBOSS_HOME / standalone / configuration .

JBoss fornisce anche alcune configurazioni alternative nella stessa directory:

  • standalone-ee8.xml : come standalone.xml, ma con le tecnologie EE8 abilitate
  • standalone-ha.xml : configurazione certificata del profilo Web Java Enterprise Edition 7 con alta disponibilità
  • standalone-full.xml : configurazione certificata del profilo completo di Java Enterprise Edition 7 che include tutte le tecnologie EE 7 richieste
  • standalone-full-ha.xml : configurazione certificata per il profilo completo di Java Enterprise Edition 7 con alta disponibilità

2.2. Avvio del server

Apriamo un terminale in OSX / Linux o un prompt dei comandi in Windows e andiamo alla directory $ JBOSS_HOME / bin .

Inoltre, avvieremo il server autonomo con la configurazione predefinita eseguendo:

standalone.sh

in OSX / Linux o in Windows:

standalone.bat

Allo stesso modo, possiamo avviare il server autonomo con una configurazione alternativa, diciamo con funzionalità EE8, eseguendo:

standalone.sh --server-config=standalone-ee8.xml

in OSX / Linux o in Windows:

standalone.bat --server-config=standalone-ee8.xml

Inoltre, per verificare se l'avvio è andato a buon fine, possiamo aprire un browser e accedere a // localhost: 8080 / . Mostrerà la pagina di benvenuto predefinita di WildFly.

2.3. Arresto del server

Per fermare il server possiamo semplicemente premere "CTRL + C".

Inoltre, jboss-cli potrebbe essere utilizzato per inviare comandi all'istanza in esecuzione del server. Ad esempio, possiamo usarlo per arrestare il server.

Apriamo un nuovo terminale o un prompt dei comandi ed eseguiamo:

./jboss-cli.sh --connect command:shutdown

in OSX / Linux e in Windows:

./jboss-cli.bat --connect command:shutdown

3. Server di dominio gestiti

In questa modalità, possiamo gestire più istanze del server da un unico punto di controllo. Questi server sono logicamente membri di un singolo dominio. In questo caso, un singolo processo del controller di dominio funge da punto di controllo della gestione centrale.

Per impostazione predefinita, JBoss fornisce poche istanze del server. Possiamo trovare queste istanze nella directory $ JBOSS_HOME / domain / servers .

3.1. Preferenze e configurazioni

Lo script di avvio del dominio, ad esempio domain.sh per OSX / Linux e domain.bat per Windows, utilizza:

  • domain.conf / domain.conf.bat : definisce le preferenze JVM per i server nel dominio
  • domain.xml : definisce le configurazioni per il dominio; possiamo trovarlo sotto $ JBOSS_HOME / dominio / configurazione .

Inoltre, possiamo definire la nostra configurazione personalizzata per il funzionamento di questi server in modo simile alle configurazioni alternative del server autonomo.

3.2. Avvio del server

Il processo di avvio del server in un dominio gestito rimane lo stesso del server autonomo. Tuttavia, invece di standalone.sh/domain.bat, utilizzeremo domain.sh/domain.bat .

Di conseguenza, questo farà girare più istanze di server in un unico dominio.

3.3. Arresto del server

Per fermare tutti i server possiamo semplicemente premere "CTRL + C". Inoltre, possiamo fermare un server specifico usando jboss-cli .

Apriamo un nuovo terminale o un prompt dei comandi ed eseguiamo:

jboss-cli.sh --connect

in OSX / Linux o in Windows:

jboss-cli.bat --connect

Al momento, siamo connessi al controller di dominio. Qui possiamo impartire comandi a più istanze del server. Ad esempio, per visualizzare tutti i server sotto questo dominio:

/host=master:read-children-names(child-type=server-config)

Allo stesso modo, per fermare un'istanza specifica del server, eseguiremo:

/host=master/server-config=:stop

Di conseguenza, possiamo controllare lo stato di questo server:

/host=master/server-config=:read-resource(include-runtime=true)

4. Conclusione

In questa breve guida, abbiamo esplorato come avviare e arrestare il server delle applicazioni con diverse configurazioni.

Per ulteriori letture, abbiamo un articolo che descrive il processo di distribuzione di un file war sul server delle applicazioni JBoss.